Scienza e natura per la cura e la bellezza della pelle.


Quando si prende in esame la cute, come qualsiasi altro organo, bisogna pensare a un sistema nel quale avvengono innumerevoli reazioni biochimiche, che attraverso una continua trasformazione della materia assicurano la vita alle cellule e ai tessuti. In condizioni normali, tutte queste reazioni si trovano in equilibrio dinamico tra loro, tuttavia, in presenza di particolari situazioni l’equilibrio può venire a mancare, determinando uno sbilanciamento che si può ripercuotere sulla pelle in diversi modi quali variazioni di pH, alterazioni del contenuto idrico, modificazioni della composizione del film idrolipidico.

Entro certi limiti il nostro organismo è in grado di ripristinare le normali condizioni fisiologiche, in caso contrario gli squilibri possono evolvere ulteriormente, determinando la comparsa di alcuni inestetismi.

Noi di Kamilica ci poniamo da sempre l’obiettivo di realizzare delle preparazioni phyto-cosmetiche funzionali in grado di ripristinare il normale equilibrio cutaneo, prevenendo o contrastando l’insorgenza di eventuali inestetismi.

Le proprietà funzionali specifiche dei phyto-cosmetici.

Astringente: azione propria di sostanze capaci di restringere temporaneamente le dimensioni dei pori e dei follicoli cutanei.È caratteristica di piante ricche di tannini e di saponine quali hamamelis e ruscus.

Lenitiva: azione calmante e addolcente che consiste nella capacità di alleviare uno stato infiammatorio cutaneo, caratteristica di vegetali ricchi di azuleni, flavonoidi, mucillagini. Ne sono un esempio camomilla, calendula, fiori di arancio, aloe.

Dermopurificante: funzione strettamente collegata alla presenza di polifenoli rintracciabili in diverse piante come limone, bergamotto, arancio, lavanda, rosmarino, timo. E’ un’azione utile soprattutto nel caso di cute impura e comedonica, cioè interessata da un accumulo di cheratina e lipidi (punti neri).

Tonico-stimolante: azione specifica di piante contenenti oli essenziali e fitosteroli, come arnica, rosmarino, salvia.

Rinfrescante: funzione volta a procurare sollievo. È caratteristica di piante contenenti oli essenziali come menta, melissa, tiglio, biancospino e arancio amaro.

Antirughe ed elasticizzante: azione svolta da estratti contenenti fitormoni e saponine, utili per attenuare le rughe e rendere la pelle più elastica e levigata, quali quelli di centella e uva rossa.

Epitelizzante-cheratoplastica: azione che favorisce la cheratinizzazione. È una caratteristica propria di piante contenenti allantoina, flavonoidi, acidi triterpenici, come la centella asiatica. l’uva rossa il mirtillo.

Antiarrossamento: funzione che dipende dalle saponine triterpeniche e steroidiche e che viene svolta dal rusco (pungitopo), dal mirtillo, dall’amamelide.

Schiarente: attività svolta ad esempio dall’estratto di limone.

Anticellulite: azione che si può collegare alla possibilità di ridurre uno stato edematoso. È una capacità propria delle saponine presenti nell’edera e nell’ippocastano.